Come gettare una rete in 6 semplici passaggi

L'attività che oggi conosciamo come pesca esiste da migliaia di anni e ha permesso all'umanità di vivere dell'acqua per altrettanto tempo. Il fatto che possiamo pescare praticamente da qualsiasi specchio d'acqua e nutrire la nostra famiglia, oltre a venderlo ad altri a scopo di lucro, è qualcosa che è stato uno dei punti fermi della società per i tempi più lunghi.

Ora, ai giorni nostri, le cose sono praticamente le stesse di secoli fa, anche millenni fa. La cattura del pesce è fondamentale per la sopravvivenza di molte comunità, ma è anche il modo per mettere in tavola tanti cibi e prodotti diversi. Con il progredire della tecnologia, siamo semplicemente in grado di catturare più pesci e farlo un po' più facilmente. La premessa generale è rimasta la stessa degli strumenti. Nessun'altra attività è tanto simile all'idea originale quanto la pesca.

Detto questo, non tutti sanno che esistono ancora molti modi diversi per ottenere il pescato da fiumi, laghi e oceano. Quando si pensa a un pescatore e alla pesca in generale, viene in mente un pescatore esperto, uno che tiene in mano una canna da pesca con un mucchio di attrezzatura al fianco. Tuttavia, la canna non è che un unico modo per farlo poiché ci sono molti altri modi per farlo.

Molti modi per catturare un pesce

prendere un pesce

 

Il fatto che la maggior parte delle persone al giorno d'oggi usa canne da pesca in combinazione con lenze, esche, ami e mulinelli è dovuto alla praticità e alla diffusione della pesca nel suo complesso. Certo, anch'esso esiste da molto tempo, ma in certe zone le persone non hanno mai veramente usato questo metodo per sfamare le proprie famiglie. Tutt'altro in realtà.

Per esempio, pesca sul ghiaccio non implica l'uso di bacchette. Non c'è modo di farlo nelle terre desolate ghiacciate. Le canne richiedono che l'acqua scorra e faccia in modo che l'esca attiri i pesci, che li morderebbero e verrebbero agganciati. Quindi, tiri la lenza usando la bobina. Abbastanza facile, ma sempre applicabile. A volte, tutto ciò che puoi fare è fare un piccolo foro nel ghiaccio, attaccare un'esca e un amo e aspettare per ore.

Molte tribù e piccole comunità che non sono necessariamente sviluppate come il mondo occidentale usano le loro mani pescare nei torrenti, o lance che lanciano o colpiscono il pesce. Ci sono molti modi per farlo e l'unico motivo per cui una certa opzione è più utilizzata deve affrontare le circostanze, la facilità e le risorse.

Pesca con una rete

Pesca con una rete

Tutta la pesca che abbiamo menzionato sopra riguarda la cattura di singoli pesci. Un pescatore e un solo pesce alla volta, un processo che si ripete numerose volte ma comunque la cattura è sempre un singolare abitante dell'acqua. Bene, c'è un metodo molto più gratificante e uno più semplice. Hai mai sentito parlare di pesca con la rete?

Conosciuto professionalmente come lanciare una rete, viene utilizzato per catturare più pesci contemporaneamente gettandoli in un'area d'acqua dove c'è un intero volo di pesci. Le reti possono essere estratte immediatamente o lasciate in acqua affinché i pesci possano nuotare e poi recuperate in seguito.

La pesca con la rete viene utilizzata per una pesca più ottimale in scenari in cui l'acqua è piena fino all'orlo e nei momenti in cui i pesci sono abbondanti. Le grandi reti gestite dalle barche sono orientate alla pesca commerciale, mentre i singoli pescatori usano reti più piccole che possono lanciare da sole senza troppi problemi. Tuttavia, esiste un modo giusto per farlo e ne parliamo di seguito.

Lanciare una rete in 6 passaggi

Lanciare una rete

Se vuoi iniziare a pescare con una rete ed espandere il tuo gioco di pesca, non c'è modo migliore per farlo che con una rete da lancio. È meglio se fatto dall'acqua, quindi assicurati di farlo da una barca. UN kayak da pesca è l'opzione preferita dalla maggior parte dei pescatori che gettano le reti.

1. Fai il giro del giro

Stendi la rete di lancio sul terreno davanti a te e avvolgi la corda con la mano sinistra. Con la stessa mano, prendi la briglia e taglia la rete due volte. Questo è solo il passaggio iniziale, ma cruciale, quindi assicurati di mantenerlo ordinato e ordinato.

2. Radunare il Terzo

Successivamente, con la mano destra, raccogli un terzo della linea principale. Esistono diverse dimensioni di reti da lancio, ma un terzo è un terzo, indipendentemente dal tipo che hai.

3. Posizionamento ascellare

Non hai ancora finito con quel terzo. Successivamente, lo pizzichi sotto il braccio sinistro e lo tieni stretto in posizione. Pratica questo passaggio prima di pescare per avere un'idea di quanto sforzo devi fare per tenerlo nascosto lì sotto.

4. Dividere il resto

Il secondo terzo della rete dovrebbe essere posizionato nella mano sinistra e l'ultimo terzo nella destra. In questo modo stai dividendo il resto della rete tra le tue due mani. Pertanto, uno dei terzi è sotto il braccio sinistro, uno è nel braccio sinistro e uno è nel braccio destro. Abbastanza facile. Questa è la posizione che prendi prima di lanciarlo.

5. Rilasciare (lanciare) la rete

Liberare la rete

Tenendo le spalle rivolte nella direzione in cui vuoi che la rete atterri nell'acqua, fai oscillare la rete come un sacco. Prima togli il terzo che è nella tua mano destra, poi immediatamente la mano sinistra, e poi l'ultimo terzo sotto il tuo braccio. Sebbene siano tre versioni separate, devono essere un movimento pulito. Fondamentalmente lo fai tutto in una volta, ma è fatto facendone uno una frazione di secondo prima del successivo.

6. Apri ampiamente

Mentre lo fai, è importante allargare le braccia in modo che anche la rete si apra. Dovrebbe ruotare in un cerchio quasi perfetto e atterrare esattamente dove volevi. Ricordati di non piegare la spalla o rovinerai il gesso. E' una posizione bassa che non lo richiede, quindi perfetta per la pesca in kayak.