Kayak Safety 101: Regole di sicurezza essenziali per i kayakisti

Nonostante noi Umani siamo concepiti e immersi in un fluido per i primi nove mesi della nostra vita, il fatto è che l'acqua non è il nostro elemento naturale. Infatti, se siamo immersi nell'acqua sopra le nostre teste dopo la nostra nascita per più di un minuto o due, smettiamo di respirare! Tuttavia, nonostante il pericolo intrinseco che l'acqua rappresenta per l'uomo, siamo ancora attratti da essa più e più volte come una falena da una fiamma.

Infatti, centinaia di persone in tutto il mondo ogni anno riprendono lo sport del kayak perché sentono un bisogno innato di riconnettersi con la natura e provare di nuovo la sensazione di galleggiare sull'acqua.

Pertanto, un kayak è un'imbarcazione eccellente per questo scopo poiché oggi sul mercato esiste un numero apparentemente infinito di modelli di kayak che sono adatti per ogni canoista, dal principiante all'esperto. Inoltre, sono facili da remare e sono l'imbarcazione invisibile perfetta per visitare la città, pescare e osservare gli animali nel loro habitat naturale.

Tuttavia, poiché l'acqua non è tua amica, ci sono diverse regole di sicurezza che dovresti osservare e rispettare ogni volta che entri nel tuo kayak.

1. Attenti alle intemperie

Fonte: huronriverwatertrail.org

Poiché il tempo può cambiare molto rapidamente in molte famose destinazioni per bambini in tutto il mondo, provocando temporali improvvisi con piogge torrenziali e abbondanti fulmini, è imperativo prestare molta attenzione ai cieli sopra di te.

Inoltre, non solo dovresti sempre guardare un bollettino meteorologico per l'area in cui remerai, ma dovresti anche considerare l'acquisto di un centro dati atmosferico come quelli realizzati da Brunton che ti terrà aggiornato sulla pressione barometrica e ti avviserà di qualsiasi tempeste in arrivo.

2. Attenti alle maree e alle correnti che creano

Fonte: wwta.org

Oltre al tempo, è anche fondamentale essere consapevoli sia delle maree che delle correnti nella tua posizione. Ad esempio, mentre alcuni luoghi hanno solo un'alta e una bassa marea al giorno, altri ne hanno due ciascuno al giorno mentre altri hanno una marea mista.

Pertanto, è importante essere consapevoli sia della frequenza che della durata delle maree nella tua posizione in modo da poterle utilizzare a tuo vantaggio cavalcando la bassa marea verso la tua destinazione e quindi risalendo l'alta marea.

Tuttavia, va anche notato che sia il flusso che il riflusso delle maree possono creare correnti pericolose quando passano sopra o intorno agli ostacoli, e quindi è anche imperativo che tu conversi con i canoisti locali sulle correnti locali o acquisti una copia di un libro chiamato pilota costiero per l'area in cui remerete.

3. Sii consapevole della direzione e della forza del vento

Fonte: urbanadventure.org

Il vento è un altro fattore da tenere in considerazione durante la pagaiata, indipendentemente dal fatto che tu stia pagaiando su un lago, un fiume o un oceano. Poiché i kayak hanno archi, poppe e trincarini che si estendono sopra la superficie dell'acqua, sono soggetti alla resistenza al vento come lo è il corpo del canoista.

Pertanto, i forti venti possono ostacolare la capacità del canoista di spostare il kayak nella direzione in cui desidera andare, e quindi, è necessario evitare di remare con vento forte a meno che il vento non stia soffiando nella direzione in cui si desidera viaggiare.

Inoltre, quando si pagaia nell'oceano, è necessario essere consapevoli del fatto che i venti offshore tendono a spingere i canoisti più in mare, mentre i venti a terra tendono a spingere il canoista verso la riva, e quindi è più facile atterrare con il vento a terra.

4. Vestirsi per l'acqua; non il tempo

Fonte: watersportswhiz.com

Chiamato anche "vestirsi per l'immersione", a meno che tu non sia un canoista avanzato o esperto o lo sei pagaiare in kayak così larga da sembrare una chiatta, quindi è meglio presumere che ad un certo punto ti capovolgerai e quindi, a meno che tu non stia pagaiando ai tropici, è una saggia idea vestirsi per l'acqua; non il tempo.

Di conseguenza, invece dei vestiti di cotone, dovresti invece indossare indumenti di nylon, pile di poliestere o neoprene perché questi materiali respingono l'acqua e si asciugano molto rapidamente se immersi nell'acqua fornendo anche un certo grado di calore.

Inoltre, ci sono indumenti specializzati chiamati dry top, pantaloni asciutti e tute stagne che sono tutti realizzati in nylon con guarnizioni in gomma alle aperture per impedire all'acqua di entrare nell'indumento e sono molto più comodi da indossare rispetto a una muta in neoprene.

5. Indossare sempre un dispositivo di galleggiamento personale

Fonte: Lakehomes.com

Indipendentemente da quanto sei un canoista esperto, non sai mai quando potresti capovolgere ed essere costretto a uscire dal tuo kayak. Dunque, dovresti indossare sempre un tipo di PFD durante la pagaiata.

Anche se sei un ottimo nuotatore, rimanere a galla senza un PFD richiede uno sforzo ma, se indossi un PFD, l'energia che altrimenti spenderesti per rimanere a galla può invece essere trasferita ad altre attività come rimuovere il tuo paddle float dallo stoccaggio e dispiegandolo in modo da poter rientrare nel tuo kayak.

Inoltre, se ti capovolgi e poi sei separato dal tuo kayak da mare mosso o correnti veloci, indossare un PFD diventerà di fondamentale importanza poiché il galleggiamento che fornisce ti consentirà di raggiungere i razzi marini, il Personal Locator Beacon e / o la radio VHF che dovresti portare nelle tasche del tuo PFD.

Quindi, nonostante il fatto che gli esseri umani sembrino essere attratti dalla presenza di acqua oltre al loro bisogno di berla per sopravvivere, il kayak presenta un certo grado di rischio intrinseco per gli esseri umani poiché non è il loro ambiente naturale.

Pertanto, indossando a PFD ogni volta che entri nel tuo kayak ti assicurerà di avere sempre accesso all'aria di cui hai bisogno per sopravvivere anche se stai galleggiando nell'acqua come un tappo di sughero! Inoltre, se scegli un PFD con ampie tasche frontali e poi le riponi con razzi marini, un localizzatore personale e una radio VHF, sarai ben preparato per un'emergenza anche se ti separerai dal tuo kayak.

Articoli Correlati